Presentazione del GRP

In origine, la medicina psicosomatica ha assunto un oggetto di studio molto ampio e generale: il rapporto tra stress emozionale e psicosociale, da un lato, e lo sviluppo di alcune malattie somatiche (soprattutto le classiche Holy Seven della scuola nordamericana degli anni '50), dall'altro.

La medicina psicosomatica ha però oggi da offrire molto di più: una visione bilanciata ed integrata delle componenti biologiche, psicologiche e sociali con un approccio fortemente aderente alla realtà clinica. Essa può essere definita attualmente come una disciplina che fornisce una visione olistica del paziente,in grado di comprendere:
a) il ruolo dei fattori psicosociali nel determinare la vulnerabilità individuale alla malattia
b) l'interazione tra fattori psicosociali e biologici nel decorso di ogni disturbo
c) l'applicazione delle terapie psicologiche alla prevenzione, trattamento e riabilitazione di ogni patologia.

Per questo motivo, nel maggio 2004 si è riunito a Siena un gruppo di ricercatori che non vogliono perdere l'occasione di un grande rilancio della psicosomatica italiana. Ha allora preso vita il Gruppo per la Ricerca Psicosomatica (GRP): un gruppo, non una società (quindi niente presidenti, vicepresidenti, tesorieri), aperto a quanti lavorano in ambito clinico (dalla medicina interna alla psichiatria, dalla medicina di base alla psicologia clinica). Un gruppo che aspira a sottrarsi al consueto copione dei convegni tradizionali, che vuole confrontarsi e crescere in un processo che ha come punto di riferimento una riunione annuale e che intende impegnarsi in ricerche il più possibile multicentriche (vedi l'intervento-manifesto di Giovanni Fava).

Proprio perché non è una società tradizionale ma un gruppo aperto, l'adesione al GRP non comporta alcun obbligo formale né procedure di iscrizione. Aderire significa partecipazione attiva: alle ricerche nel settore, alla promozione di iniziative, ai congressi annuali.

Per gli interessati: iscrivetevi alla Newsletter.

Intervista a Giovanni A. Fava

Altro in questa categoria: Manifesto GRP »